Poste SPA, poca trasparenza e tanti sprechi

Le Federazioni Pubblico Impiego della CSU si uniscono alla raccolta firme per l’abrogazione della società per azioni. 

0
19

17 ottobre 2019. “Poste Spa, tra spreco di risorse, poca trasparenza e assenza di progetti”. Anche le Federazioni Pubblico Impiego della CSU si uniscono alla raccolta firme lanciate dal comitato  Pro-Poste. Firme a sostegno di una legge di iniziativa popolare per il ritorno del servizio postale nella Pubblica Amministrazione.

Sono molti i dubbi e le critiche che FUPI-CSdL e FPI-CDLS sollevano su questi sei anni di gestione privatistica, a partire dalla trasparenza in materia di acquisti, appalti, consulenze. “Nella pubblica amministrazione – sottolineano – esiste una normativa e delle regole che prevedono passaggi molto precisi. Si tratta di regole che potranno anche essere imperfette, ma non sono certo facili da bypassare. Siamo certi che regole simili siano state  e vengano osservate in Poste Spa? Siamo certi che le spese, di vario tipo, possano essere definite come rispondenti  alla massima trasparenza?  E’ possibile affermare con certezza che tra i membri del Cda e gli assegnatari dei servizi e acquisti non vi sia, ad esempio, conflitto di interessi?”

Interrogativi, aggiungono le Federazioni Pubblico Impiego, “che esigono delle risposte chiare e puntuali, essendo lo Stato unico azionista della spa postale”.

“Sul fronte della gestione dei servizi postali – insistono –  da tempo abbiamo segnalato che tale gestione ha generato  uno spreco di risorse pubbliche, evidenziando come il Governo, la Direzione e il Consiglio di Amministrazione non abbiano fatto nulla per cercare di migliorare i servizi all’utenza o cercare aree di mercato nuove per generare profitti, ma abbiano solo pensato a tagliare gli stipendi del personale operativo”.

Per le Federazioni Pubblico Impiego “la fetta di mercato dove bisogna assolutamente intervenire è quella occupata dai corrieri esteri, società che guadagnano consegnando pacchi su tutto il territorio della Repubblica senza però versare nulla al fisco sammarinese. Oltre 6 anni di società per azioni e nulla è stato fatto in questo ambito”.

FUPI-CSdL e FPI-CDLS informano quindi cittadini, lavoratori e pensionati che anche presso le sede della Centrale Sindacale Unitaria di via Cinque Febbraio a Domagnano è possibile  firmare la proposta di legge  che chiede l’abrogazione di Poste Spa e il ritorno dei servizi postali nel settore pubblico.

FUPI-CSdL e FPI-CDLS

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here