Usl: “Stabilizzazione precari Iss, ora bisogna pensare al settore pubblico allargato”

0
23

Riceviamo e pubblichiamo un comunicato di USL:

La FPI USL esprime la propria soddisfazione per la ratifica dell’accordo sul superamento del precariato nell’ Istituto per la Sicurezza Sociale.
Per concludere definitivamente la vicenda manca, in realtà, ancora la presa d’atto degli elenchi in Congresso di Stato e i conseguenti adempimenti amministrativi; attività che invitiamo a predisporre nel più breve tempo possibile.
Importante adesso sarà definire, puntualmente e celermente, tutti i criteri ed i caratteri del nuovo strumento automatico di regolarizzazione del personale in caso di mancata emissione dei Bandi di Concorso (che devono comunque rimanere la modalità principe per assumere nella PA); strumento di grande innovazione che, ricordiamo, è stato introdotto visto che l’ISS non ha provveduto in questi anni nell’emissione di procedure selettive.
Ora USL chiede un accelerazione anche per la regolarizzazione, analogamente a quanto definito per l’ISS, del restante Settore Pubblico Allargato.
Se uno dei comparti più colpiti, quello sanitario e socio sanitario, ha infatti ottenuto risposte alla precarietà anche di natura strutturale manca ancora tanta strada da fare, soprattutto in alcuni comparti come ad esempio quello dell’istruzione nel quale si regista la maggioranza dei numeri.
Urge pertanto regolarizzare, prima dell’adozione del nuovo fabbisogno, le posizioni dei dipendenti del restante settore pubblico allargato in modo da fare quel famoso e auspicato “punto zero” sul quale programmare, d’ora in avanti, le selezioni per l’accesso al pubblico impiego, approfittando dell’occasione anche per sancire una volta per tutte l’appartenenza al settore pubblico di quelle, oramai pochissime, figure ibride sulle quali la politica non ha ancora espresso con chiarezza la propria posizione, come ad esempio il personale fattorino accompagnatore scolastico.
“USL ha già inoltrato formali richieste e attende una risposta che non può più tardare” commenta il Segretario FPI USL Marzi Mattia.