Vogliamo fare davvero quello che abbiamo scritto!

0
23

San Marino. Sembra essere partito col piede giusto il nuovo governo, che stamattina, subito dopo la riunione, ha annunciato tutte le novità in conferenza stampa. Si comincia con la ricognizione delle delibere annualmente emesse (2500 circa) per ridurle per quanto possibile di numero, individuando ambiti che possano prevedere il solo intervento di carattere amministrativo; pubblicazione di tutte le delibere, compresi gli atti allegati; ricognizione degli organismi di nomina consiliare e congressuale, in modo da affidarne i compiti non strettamente politici alla struttura amministrativa.

Sarà abolito il raddoppio del contributo ai partiti nell’anno delle elezioni.  Confermata la fiducia ai vertici di Banca Centrale che al momento si sostanzia nella nomina immediata del Comitato per il Credito ed il Risparmio nelle persone dei seguenti Segretari di Stato: Simone Celli (Finanze), Nicola Renzi (Esteri), Guerrino Zanotti (Interni) e Andrea Zafferani (Economia).  A breve sarà eletto, nel Consiglio Direttivo, il sostituto del dimissionario Stefano Bizzocchi, membro del Direttivo e vice presidente di Bcsm.

La Segreteria di Stato alla Sanità comincerà ad operare, provvisoriamente, nella sede dell’ex Segreteria di Stato al Turismo, al Cantone, in Città. Già operativa col nuovo anno la sostituzione del Direttore Generale Bianca Caruso: prenderà il suo posto il dottor Andrea Gualtieri, dell’Authority, che poi indicherà due terne di nomi per sostituire il direttore sanitario Dario Manzaroli e il direttore amministrativo, Filippo Francini.

Ma è importante anche il metodo annunciato durante tutta la campagna elettorale di Adesso.sm e che quindi sarà improntato alla collaborazione, “che non vuol dire però sgravio di responsabilità” annunciando la calendarizzazione di sedute dedicate ai temi specifici dello sviluppo.

“Vogliamo fare davvero quello che abbiamo detto e scritto” afferma il Segretario Andrea Zafferani. Gli fa eco Marco Podeschi, che aggiunge: “Snellire per essere più trasparenti, anche con un nuovo modello di comunicazione.” E così avremo la trasmissione in diretta streaming delle conferenze stampa del Congresso e un maggior uso dei social network per dialogare con il cittadino.

 

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here