La Dc interpella sulla libera professione medica

0
46

San Marino. Interpellanza DC. Considerato che l’obiettivo primario del Segretario di Stato per la Sanità e la Sicurezza Sociale risulta essere la risoluzione di tutte le problematiche relative allo status economico – giuridico del personale medico sanitario e socio sanitario;

Vista la Legge 29 ottobre 2013 n.150 “Legge per l’esercizio dell’attività libero professionale del personale del corpo sanitario medico e non medico ISS”, successivamente abrogata con Decreto Reggenziale 28 maggio 2014 n. 81;

Considerato che qualsiasi tentativo di sollevare il problema in aula consiliare da parte dei consiglieri di opposizione, o di richiedere informazioni per capire gli intendimenti dell’attuale governo su un tema così importante per la serenità della classe medica e non – serenità che si ottiene con regole certe e non nebulose – non ha ricevuto risposta alcuna da parte di chi attualmente ricopre la delega alla Sanità.

Considerato che la corretta regolamentazione della libera professione medica con regole chiare resta uno dei capisaldi per permettere al nostro sistema Sanitario e Socio Sanitario di crescere, non solo per gli incassi, ma per aumentare la casistica del personale e per aumentare la professionalità del personale medico;

si INTERROGA il Segretario di Stato per la Sanità e la Sicurezza Sociale per conto del Congresso di Stato per conoscere:

  1. l’ammontare del fatturato relativo all’esercizio della libera professione del personale medico ISS, negli anni 2014, 2015, 2016 e 2017;
  2. l’ammontare del fatturato relativo all’esercizio della libera professione del personale non medico ISS, negli anni 2014, 2015, 2016 e 2017;
  3. a quanto ammonta il fondo di Perequazione negli anni esaminati;
  4. il numero dei dipendenti ISS che hanno fatto richiesto di esercitare la libera professione intramuraria;
  5. il numero dei dipendenti ISS che hanno fatto richiesta di esercitare la libera professione extramuraria presso strutture esterne convenzionate ed autorizzate;
  6. quanti controlli sono stati effettuati negli ultimi due anni, in merito al rispetto delle regole del divieto di libera professione sugli assistiti ISS in regime extramurario, ed i relativi esiti dei controlli;
  7. quanti controlli sono stati effettuati sul rispetto dell’orario di lavoro ISS e se vengono fatti controlli incrociati sull’orario di presenza in ISS e prestazione libero professionale, posto che essa va svolta al di fuori dell’orario contrattuale di lavoro;
  8. quali provvedimenti disciplinari sono stati presi nei casi di accertamento di tali irregolarità appena descritte, visto che sicuramente alcune irregolarità sono state riscontrate;
  9. di conoscere quante e quali sanzioni sono state applicate negli anni in esame in attuazione al Regolamento vigente che prevede sanzioni nel caso di violazioni accertate;
  10. se il Governo, che dichiara ogni giorno di voler risolvere i problemi del personale medico, intenda ricorrere a norme di rango primario (legge, decreti legge e decreti delegati) per regolamentare definitivamente la libera professione medica, o intenda continuare a demandare il tutto ad un regolamento approvato dal precedente Comitato Esecutivo, in base al Decreto n.153/1991;
  11. dopo quanto tempo vengano liquidate le percentuali sui compensi spettanti ai medici che hanno svolto tali prestazioni, visto che tanti professionisti si lamentano di eccessivi ritardi nelle liquidazioni di compensi preventivamente riscossi da ISS, e visto che il Regolamento dispone la liquidazione entro due mesi attraverso la busta paga;
  12. siccome la Legge finanziaria 23 dicembre 2014 n. 219, all’art.5 comma 7, testualmente disponeva: …omissis.. “comma 7…. Per il biennio 2015-2016 il 15% degli introiti netti spettanti all’ISS derivanti dalle attività libero professionali sono destinati a borse di studio per laureandi e neo laureati in professioni sanitarie; il Comitato Esecutivo dell’ISS dovrà curare la realizzazione del bando e predisporre al termine del biennio una relazione per il Congresso di Stato sull’iniziativa formativa”, si chiede di sapere, come il nuovo Comitato Esecutivo abbia erogato tali somme nel 2017, per quale scopo ed il relativo ammontare, e si chiede di avere copia della relazione del Comitato Esecutivo dell’ISS, che per legge andava depositata al termine del biennio.

 

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here