Legge elettorale: imprescindibile il potere agli elettori

0
18

Il tavolo Istituzionale avviato dal Consiglio Grande e Generale all’unanimità per affrontare le problematiche relative alla legge elettorale e verificare la possibilità di un’intesa che possa dare risposte ai cittadini, preoccupati di alcune problematiche generate dalla vigente legge, si è riunito ieri in una sala di Palazzo Pubblico alla presenza di una rappresentanza di tutte le forze politiche.

Le tre forze di maggioranza hanno posto in discussione la proposta di intervenire sulla materia risolvendo il problema della dimensione del premio di stabilità, ma lasciando ai cittadini il diritto di scegliere da chi essere governati.

La proposta è semplice: dopo il primo turno, se nessuna coalizione raggiunge la maggioranza dei voti espressi, viene data alle forze politiche la possibilità di apparentamento con le forze che sono rimaste escluse dal ballottaggio, introducendo così la facoltà di ampliare le alleanze dopo il primo turno, anche per ridurre gli effetti del premio, lasciando però l’ultima parola ai cittadini che dovranno approvare con il loro voto gli accordi raggiunti. Così gli elettori sarebbero chiamati a decidere da chi farsi governare, non delegando al buio questo potere ai partiti.

La nostra proposta, che non mette in discussione il percorso referendario, prevedendo la possibilità di un ulteriore accorpamento dopo il primo turno, riduce di molto il premio di stabilità che eventualmente dovrebbe essere assegnato.

L’opposizione ha preferito insistere sul fatto che le difficoltà per superare il problema non hanno soluzione, e chiudere la discussione non offrendo alcuna disponibilità al dialogo.

Peccato, sarebbe stato importante che la politica fosse stata in grado di trovare una soluzione. Noi non potremmo mai accettare che i partiti vogliano riprendersi il potere di fare coalizioni e programmi di governo senza ascoltare gli elettori.

Comunicato Adesso.sm

 

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here