Didattica a distanza, in Consiglio scontro tra Governo e opposizione

0
29

Le nuove misure anti-covid, in particolare quelle che interessano la scuola, così come la delibera sul bando per investimenti in territorio, sono tra gli argomenti su cui si è concentrato il dibattito in comma Comunicazioni, nel corso della seduta consiliare della mattina. In particolare, sulla scuola è intervenuto il Sds Andrea Belluzzi per motivare la Dad nelle scuole superiori e l’obbligo della mascherina per elementari e medie.”Saremo pronti ad attenuare le misure adottate non appena i numeri lo consentiranno”, assicura, anticipando la possibilità di inserire la didattica a distanza solo in forma parziale e invitando ad evitare la polemica.
“Non sono favorevole alla chiusura delle scuole superiori in una Repubblica tenuta volutamente aperta- sottolinea Michele Muratori di Libera- e l’unica struttura chiusa è la scuola superiore”. Più in generale, dall’opposizione vengono lanciate accuse sulla gestione della seconda ondata della pandemia: “Perchè non si è attuato un sistema efficace del contact tracing? Perchè la scuola sembra sempre l’elemento sacrificabile?”, manda a dire Andrea Zafferani di Rf. Su tutte l’accuse di non dare all’opposizione la possibilità di intervenire in aula sui decreti legge relativi alle misure di prevenzione covid. “Il governo deve trovare un momento di partecipazione- chiede Eva Guidi di Libera- ed evitare che certe misure siano sottratte dal controllo del Consiglio grande e generale”.
Tra le accuse rivolte al governo nella gestione della pandemia, l’opposizione torna a battere sulla mancanza di finanziamenti e risorse. Dito puntato poi sulle recenti delibere per consulenze e sulle spese per il Natale delle Meraviglie. Il Segretario di Stato per il Turismo, Federico Pedini Amati, corregge le cifre riportate durante il dibattito: “Il Natale delle Meraviglie costa 309.000 euro, non 500.000, di cui 100 mila euro sono poi le spese in luminarie”. Con il resto, “abbiamo fatto il massimo del massimo che si poteva fare, per dare un sollievo ai sammarinesi- puntualizza- possiamo almeno far sì che le nostre famiglie possano fare le feste, anche se molto morigerate?”. E ancora, il Segretario di Stato agli Affari interni, Elena Tonnini, intervendendo sulle recenti parole alla tv di Stato del Sds alla Sanità, Roberto Ciavatta, sulle nuove misure anti-covid, difende i nuovi provvedimenti:“Di fronte alla necessità di far capire la gravità della situazione non trovo scandaloso che misure proposte esistono- manda dire- perché esistono limiti invalicabili nel numero delle terapie intensive, se la situazione viene ‘presa sotto gamba’ saremo costretti a chiedere aiuto all’Italia, che non è in situazioni migliori, oppure non saremo in grado di ospitare tutti in terapia intensiva”. Del resto, “Le terapie intensive-chiosa- non si costruiscono dal nulla”.
Infine, l’opposizione boccia il bando internazionale per investitori: “Parliamo del parcheggio 6, del parcheggio 7, del cinema Turismo, dell’aviosuperficie di Torraccia, dell’ex scuola superiore di Murata: tutte le aree strategiche del centro verranno messe a disposizione degli investitori- spiega Vladirmiro Selva, Libera- è qualcosa che serve solo a sbarcare il lunario, non c’è nulla di strategico”. Per invitare alla condivisione di un piano di sviluppo da parte di tutta la politica e delle parti sociali ed economiche, interviene dalla maggioranza Iro Belluzzi Npr: “Ritengo necessario che governo e maggioranza si adoperino per aprire quanto prima- esorta- un tavolo di confronto fattivo sulla visione di sviluppo della Repubblica di San Marino, facendo fare parte attiva a tutti gli stakeholders dell’economia”. Il dibattito prosegue nella seduta del pomeriggio.

(Fonte: Agenzia Dire)