Serie B: Barbieri fa 14 e l’Academy torna al secondo posto

Futsal: domani si incontrano le prime della classe

0
11

Non la prestazione più brillante, ma probabilmente il risultato più importante: la San Marino Academy esce dalle secche di tre settimane di sconfitte con Napoli, Lazio e AS Roma sbancando il Grantorto di Padova grazie al quattordicesimo gol in campionato di Raffaella Barbieri, nello spazio di quattordici partite (cui si somma l’acuto in coppa con l’Hellas Verona).

Partita fisica e tattica nel patavino, che l’Academy approccia discretamente rendendosi pericolosa su palla inattiva con Petkova: la bulgara si conquista e batte una punizione dalla trequarti che Barbieri sfiora, spedendo di poco a lato. Sulla corsia opposta Menin – migliore in campo per distacco – sfida Peruzzo e crossa al centro; la sfera si impenna per una deviazione e per poco non diventa buono per Petkova, a pochi centimetri dalla deviazione aerea sotto misura.

Le granata entrano in partita con dieci minuti di ritardo, ma lo fanno in maniera prepotente: Zorzan sfonda a destra e crossa al centro dove Costantini si attarda a liberare e sul flipper conseguente arriva Kastrati, per un destro a botta sicura su cui si immola Micciarelli. Conclusione deviata che sfila di un soffio alla sinistra del montante di Montanari.

Al quarto d’ora ancora Academy con Petkova, che salta la diretta avversaria sulla sinistra e propone al centro dove Casarotto anticipa Barbieri. Al limite dell’area raccoglie Di Luzio, che si aggiusta la sfera col petto e batte al volo trovando la gran parata di Toniolo. Poco più tardi ci prova anche Menin, che si ritrova un ghiotto pallone sul piede sbagliato, scoccando un mancino dal cuore dell’area che non fa male all’estremo di casa.

La fisicità del Cittadella emerge minuto dopo minuto, risultando un fattore preponderante su palla inattiva: al 23’ Schiavi prende l’ascensore spedendo fuori di un soffio il corner di Saggion. Replica sammarinese affidata alla solita cavalcata di Menin, che sterza su Peruzzo e serve Barbieri al limite: il bomber biancoazzurro, retrocedendo dal cuore dell’area, calcia pressoché da ferma senza causare pericoli per Toniolo.

L’ultimo quarto d’ora è un monologo a tinte granata, a partire dal rigore richiesto a gran voce da Zorzan – agganciata in area da Piergallini – che Gangi di Enna non concede. Nell’occasione il contatto è sembrato piuttosto netto, per il comprensibile disappunto di panchina e pubblico patavino. Il Cittadella spinge sull’acceleratore, applicando alla perfezione la tattica del fuorigioco: quando poi la linea salta, Toniolo è sempre puntuale in anticipo sugli avanti biancoazzurri – come al 39’ su Di Luzio lanciata a rete -. Nel finale di frazione Montanari cede un pallone complicato a Costantini che, attaccata alle porte della propria area di rigore, perde un pallone che Ponte calcia a tutta gamba verso lo specchio: l’estremo romagnolo si riscatta con un grandissimo colpo di reni che nega il vantaggio casalingo.

Una manciata di secondi dopo lo scadere dei due minuti di recupero concessi da Gangi, il Cittadella non riesce a sfruttare una ripartenza tre contro due: Zorzan mette in moto Ponte, che apre sulla sinistra dalle parti di Kastrati; stop e diagonale mancino carico di potenza, ma che non inquadra il bersaglio grosso. È l’ultimo contributo dell’ala granata alla causa del Cittadella, sostituita nell’intervallo da Pinna; per la San Marino Academy il secondo tempo è tutto di Cecchini, che rileva Petkova per un centrocampo più equilibrato.

Nella ripresa è però Zorzan a creare il primo scompiglio, operando un traversone allontanato affannosamente dalla retroguardia sammarinese. L’Academy alleggerisce preferibilmente sulla corsa di Menin, che al 55’ spezza il raddoppio in corsia e crossa al centro prima di essere travolta dalle avversarie: Gangi concede il vantaggio, salvo tornare sui suoi passi per sanzionare la punizione e la conseguente ammonizione di Peruzzo. Da quell’opportunità le ospiti non tirano fuori nulla di buono.

Epilogo diverso per l’iniziativa di Pinna, che si mette in proprio portando a spasso un paio di marcatrici prima di scoccare un mancino sul primo palo che Montanari fa proprio in due tempi. Poco più tardi un pallone perso sulla trequarti da Costantini mette in difficoltà la terza linea sammarinese: De Sanctis ci mette una pezza, subendo anche l’intervento in ritardo di Saggion – ammonita -. La marchigiana aveva da poco rilevato la conterranea Piergallini.

Si ha la sensazione di ritrovarsi nel momento topico della gara e in effetti la sfida del Grantorto si risolve al giro di boa della ripresa. Merito della straordinaria giocata di Menin, che riceve sulla trequarti e – ravvisata la posizione di fuorigioco di Barbieri e Di Luzio – si lancia in slalom tra le centrali avversarie presentandosi davanti a Toniolo. Barbieri ne segue l’azione, così da poter scartare il cioccolatino che il capitano le offre per gonfiare il sacco a porta vuota. Estasi Academy, virtualmente seconda per via del vantaggio del Napoli in casa della Lazio.

Al vantaggio sammarinese fanno seguito un cambio per parte: Cacciamali rileva l’acciaccata Ponte, Deidda per Costantini. E proprio la centrocampista di origini sarde risulta immediatamente determinante, togliendo dalla porta il colpo di testa da corner di Casarotto: il capitano patavino aveva battuto anche Montanari, ma si è dovuta inchinare al provvidenziale salvataggio di Deidda.

Nell’ultimo quarto d’ora saltano gli schemi, col Cittadella sbilanciato alla ricerca di un pareggio che sarebbe tutt’altro che immeritato. Meggiolaro e Baldini si giocano i minuti finali, nei quali è Menin ad avere la palla buona: scattata in posizione regolare, calcia a tutta gamba del limite dell’area trovando il miracoloso riflesso di Toniolo che tiene a galla le granata. Il finale di ordinata fase difensiva dell’Academy non lascia però spiragli aperti alle ambizioni patavine: l’Academy torna al successo e ad occupare il secondo posto in classifica, per via del successo omologato del Napoli sul campo della Lazio. Carburante per un finale di stagione che – almeno per il secondo posto, utile al salto di categoria – si annuncia punto a punto, con tutti gli scontri diretti esauriti. Al netto del prossimo tra San Marino Academy e Ravenna, che potenzialmente potrebbe tagliare definitivamente tagliare fuori dalla corsa promozione le romagnole, oggi bloccate sullo 0-0 dal Cesena nel derby.

CITTADELLA

Toniolo; Ciampanelli, Schiavo, Casarotto, Peruzzo; Rigon, Ambrosi (dall’86’ Baldo), Saggion (dall’86’ Goula); Zorzan (dal 77’ Meggiolaro), Ponte (dal 70’ Cacciamali), Kastrati (dal 46’ Pinna)

A disposizione: De Bona, Meneghetti, Fasoli, Dal Molin

Allenatore: Fabiana Comin

SAN MARINO ACADEMY [4-2-4]

Montanari; Micciarelli, Montalti, Venturini, Piergallini (dal 57’ De Sanctis); Costantini (dal 72’ Deidda), Brambilla; Menin, Barbieri, Di Luzio (dall’80’ Baldini), Petkova (dal 46’ Cecchini)

A disposizione: Ciccioli, Rossi, Rigaglia, Larocca, Bianchi

Allenatore: Alain Conte

Arbitro: Mauro Gangi di Enna

Assistenti: Antonio Monardo ed Alex Arizzi di Bergamo

Marcatori: 69’ Barbieri

Ammoniti: Peruzzo, Saggion

Futsal: domani si incontrano le prime della classe

C’è un confronto tra capolista ad accendere il programma della 10° giornata del Campionato Sammarinese di Futsal, la penultima della Fase Intergirone. Al campo attiguo all’Ezio Conti di Dogana, infatti, andrà in scena Fiorentino-Folgore: la squadra rossoblù, che domani non avrà a disposizione lo squalificato Ercolani, veleggia tranquilla in vetta al Girone A, dove i punti sulla prima inseguitrice sono otto, mentre quella giallorossonera ha da un turno ottenuto la leadership assoluta del Girone B approfittando di un favore fattole proprio dal Fiorentino, che alla ripresa dei giochi ha battuto nel derby i diretti rivali del Tre Fiori, ora secondi a -3 dalla vetta.

Alle spalle del Fiorentino continua a correre il Faetano, che magari non potrà vantare l’impressionante serie di successi consecutivi della capolista – del resto a San Marino nessuno può farlo – ma che ha saputo inanellare quattro vittorie di fila; domani, la formazione di Penserini cercherà di ingranare la quinta nel delicato confronto con La Fiorita, sperando magari in un’altra serata di grazia di Alex Mattioli, reduce dalle quattro reti rifilate alle Libertas. La squadra di Montegiardino, dal canto suo, vuole uscire da questo derby con in tasca il bottino pieno, cosa che in campionato non le riesce da due turni, nell’ultimo dei quali è peraltro arrivato un pareggio – con la Juvenes – che ha avuto come conseguenza l’assottigliamento del vantaggio sul Pennarosssa, ora a -4. Non potrà essere della partita Giacomo Bernardi, incorso in una lunga squalifica – 4 giornate – a seguito delle offese pronunciate nei confronti del direttore di gara dopo l’espulsione rimediata contro la Juvenes-Dogana.

Del resto anche la stessa Juvenes non avrà a disposizione uno dei suoi pezzi più pregiati, Lorenzo Forcellini, appiedato per un turno dal Giudice Sportivo per somma di ammonizioni. I ragazzi di Zonzini hanno bisogno di reagire dopo l’aggancio operato ai loro danni dal Domagnano, e per farlo non hanno altra soluzione che ottenere i tre punti contro la Libertas, uscita con qualche novità dalla sessione invernale di mercato ma ancora alla ricerca dei primi punti nel torneo. Chi invece cerca continuità è il Domagnano, che ha iniziato bene il 2020 superando – non senza fatica – il Cosmos, e che dopo aver ritrovato la terza posizione del Girone A vuole confermarsi a spese del Pennarossa, a caccia della terza vittoria di fila e di un ulteriore avvicinamento nei confronti de La Fiorita, colei che delimita la zona play-off nel Girone B. Tra le file biancorosse mancherà Nicolò Mariotti, squalificato per un turno.

Battuto dal Fiorentino e staccato in classifica dalla Folgore, il Tre Fiori – domani privo di Cupi – cerca l’immediata ripartenza. Proverà a rovinare i piani gialloblù la Virtus, molto distante dalla zona di classifica che conta e costretta perciò ad inseguire un solo risultato per evitare di mettere nel cassetto le proprie ambizioni con eccessivo anticipo. Stesso discorso per il San Giovanni, a pari punti con la formazione di Acquaviva e chiamato a confrontarsi con il Cosmos, fin qui capace di vincere un solo incontro. Non sarà della partita il rossonero Andrea Capicchioni, squalificato.

Questo il quadro completo della 10° giornata di campionato:

Campionato di futsal| 10. Giornata  
Gir. SQUADRA SQUADRA DATA DESIGNAZIONI ARBITRALI ORA LUOGO
  Virtus Tre Fiori 17/02 A1: Ilie – A2: Piccoli 21:45 Acquaviva
  La Fiorita Faetano 17/02 A1: Notarpietro – A2: Delvecchio 21:45 Dogana
  Cosmos San Giovanni 17/02 A1: Ercolani – A2: Tonelli 21:45 Fiorentino
  Pennarossa Domagnano 17/02 A1: Tonelli – A2: Ercolani 20:15 Fiorentino
  Libertas Juvenes-Dogana 17/02 A1: Piccoli – A2: Ilie 20:15 Acquaviva
  Fiorentino Folgore 17/02 A1: Delvecchio – A2: Notarpietro 20:15 Dogana

 

Queste invece le classifiche dei due gironi:

  CLASSIFICA GIRONE A     CLASSIFICA GIRONE B  
27 FIORENTINO 9   24 FOLGORE 9
19 FAETANO 9   21 TRE FIORI 9
13 JUVENES-DOGANA 9   16 LA FIORITA 9
13 DOMAGNANO 9   12 PENNAROSSA 9
6 VIRTUS 9   3 COSMOS 9
6 SAN GIOVANNI 9   0 LIBERTAS 9
 

 

   

Sul fronte Academy, erano a riposo i ragazzi dell’Under 19, mentre la squadra femminile ieri ospitava il Bagnolo, che ha imposto alle ragazze di Selva la seconda sconfitta consecutiva dopo quella in casa del Futsal Imola. A Falciano le ospiti trovano il vantaggio al pronti-via salvo essere riprese in coda alla prima frazione, quando per la San Marino Academy timbra Benedettini. Il Bagnolo esce forte dall’intervallo, ritrovando il vantaggio e poi gonfiando il punteggio fino al 4-1.

FSGC | Ufficio Stampa

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here