“Contratto industria: il sì dei lavoratori supera il 90%”

0
14
Fattura Elettronica, semplice veloce ed economica

Rinnovo contratto industria: il via libera dei lavoratori tocca il 93%.  È questo il risultato del referendum consultivo promosso dalle Federazioni Industria di CSdL-CDLS-USL.

Una maratona referendaria articolata in 62 assemblee che complessivamente ha interessato 5.258 lavoratori.  I votanti sono stati 2.244, i Si sono stati 2.048 e i No 166.

La scelta di lasciare ai lavoratori l’ultima parola attraverso lo strumento referendario – affermano i segretari delle Federazioni Industria, Agostino D’Antonio (CSdL), Paride Neri (CDLS) ed Enrico Biordi (USL) – conferma un percorso democratico ormai decennale e l’ampio apprezzamento arrivato dalle fabbriche e dagli uffici è un punto fermo importante arrivato in un contesto socio-economico molto difficile”.

Il rinnovo del contratto, firmato lo scorso aprile con l’Associazione Industriali (Anis), prevede un aumento in busta paga del 5,4% spalmato sul biennio 2022-2023. 

“È stata una trattativa – spiegano i tre Segretari delle Federazioni Industria – portata avanti in un contesto fortemente caratterizzato dall’incertezza economica e dalla crisi energetica causata dalla guerra russo-ucraina. Trattativa essenzialmente incentrata sull’aumento delle retribuzioni per far fronte al generalizzato rincaro dei prezzi e delle utenze e la conferma dell’impianto di flessibilità”.

In autunno partirà anche la consultazione referendaria che interesserà gli 800 lavoratori del settore artigianato. Questo rinnovo contrattuale è stato siglato lo scorso giugno e condivide complessivamente l’entità degli aumenti del settore industria.

Complessivamente la stagione referendaria si concluderà a fine anno, quando i lavoratori del settore industria e del settore artigianato, così come previsto dalla Legge sulla Rappresentatività, saranno nuovamente chiamati ad esprimere il loro parere sul testo unico del contratto collettivo dell’industria che avrà validità Erga Omnes.